Venezia - Venice

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera

Venezia

Venezia    ( italiano )
Venesia    ( veneziano )
Comune di Venezia
Un collage di Venezia: in alto a sinistra c'è Piazza San Marco, seguita da una veduta della città, poi il Canal Grande e l'interno della Fenice, oltre all'isola di San Giorgio Maggiore.
Un collage di Venezia: in alto a sinistra c'è Piazza San Marco , seguita da una veduta della città, poi il Canal Grande e l'interno della Fenice , oltre all'isola di San Giorgio Maggiore .
Stemma di Venezia
Stemma
Posizione di Venezia
Venezia si trova in Italia
Venezia
Venezia
Posizione di Venezia in Veneto
Venezia si trova in Veneto
Venezia
Venezia
Venezia (Veneto)
Coordinate: 45 ° 26′15 ″ N 12 ° 20′9 ″ E  /  45.43750 ° N 12.33583 ° E  / 45.43750; 12.33583 Coordinate : 45 ° 26′15 ″ N 12 ° 20′9 ″ E  /  45.43750 ° N 12.33583 ° E  / 45.43750; 12.33583
Nazione Italia
Regione Veneto
Città metropolitana Venezia (VE)
Frazioni Chirignago, Favaro Veneto, Mestre , Marghera , Murano , Burano , Giudecca , Lido , Zelarino
Governo
 • Sindaco Luigi Brugnaro ( I )
La zona
 • Totale 414,57 km 2 (160,07 sq mi)
Elevazione
1 m (3 piedi)
Popolazione
  (2020)
 • Totale 258.685
 • Densità 620 / km 2 (1.600 / sq mi)
Demonimo (i) Veneziano
veneziano (inglese)
Fuso orario UTC + 1 ( CET )
 • Estate ( DST ) UTC + 2 ( CEST )
Codice postale
30100
Prefisso telefonico 041
Codice ISTAT 027042
Santo Patrono San Marco Evangelista
Giorno santo 25 aprile
Sito web Sito ufficiale
Venezia e la sua Laguna
Patrimonio mondiale dell'UNESCO
Panorama del Canal Grande e del Ponte di Rialto, Venezia - settembre 2017.jpg
Venezia in autunno, con il Ponte di Rialto sullo sfondo
Criteri Culturale: i, ii, iii, iv, v, vi
Riferimento 394
Iscrizione 1987 (11a sessione )

Venezia ( / v ɛ n ɪ s / VEH -niss ; italiano : Venezia [veˈnɛttsja] ( ascolta ) A proposito di questo suono ; Veneziano : Venesia o Venexia [veˈnɛsja] ) è una città dell'Italia nord- orientale e capoluogo della regione Veneto . È costruito su un gruppo di 118 piccole isole separate da canali e collegate da oltre 400 ponti. Le isole si trovano nella laguna veneziana poco profonda , una baia chiusa compresa tra le foci del Po e del Piave (più esattamente tra il Brenta e il Sile ). Nel 2020, 258,685 persone risiedevano nel Comune di Venezia, di cui circa 55.000 vivono nella città storica di Venezia ( centro storico ). Insieme a Padova e Treviso , la città fa parte dell'Area Metropolitana Padova-Treviso-Venezia (PATREVE), considerata un'area metropolitana statistica, con una popolazione totale di 2,6 milioni di abitanti.

Il nome deriva dagli antichi Veneti che abitavano la regione dal X secolo a.C. La città è stata storicamente la capitale della Repubblica di Venezia per oltre un millennio, dal 697 al 1797. Fu un'importante potenza finanziaria e marittima durante il Medioevo e il Rinascimento , e un'area di sosta per le Crociate e la Battaglia di Lepanto , come nonché un importante centro di commercio, in particolare seta, grano e spezie , e di arte dal XIII secolo alla fine del XVII. La città-stato di Venezia è considerata il primo vero centro finanziario internazionale, emerso nel IX secolo e raggiunse la sua massima importanza nel XIV secolo. Ciò ha reso Venezia una città ricca per gran parte della sua storia. Dopo le guerre napoleoniche e il Congresso di Vienna , la Repubblica fu annessa all'Impero Austriaco , fino a diventare parte del Regno d'Italia nel 1866, a seguito di un referendum indetto a seguito della Terza Guerra d'Indipendenza italiana .

Venezia è stata conosciuta come "La Dominante", "La Serenissima", "Regina dell'Adriatico ", "Città dell'acqua", "Città delle maschere", "Città dei ponti", "La città galleggiante" e "Città dei Canals ". La laguna e una parte della città sono elencate come patrimonio mondiale dell'UNESCO . Alcune parti di Venezia sono rinomate per la bellezza dei loro ambienti, la loro architettura e le opere d'arte. Venezia è nota per diversi importanti movimenti artistici, soprattutto durante il periodo rinascimentale, e ha svolto un ruolo importante nella storia della musica strumentale e operistica, ed è il luogo di nascita dei compositori barocchi Tomaso Albinoni e Antonio Vivaldi .

Sebbene la città stia affrontando alcune sfide (tra cui un numero eccessivo di turisti e problemi causati da inquinamento, picchi di marea e navi da crociera che navigano troppo vicino agli edifici), Venezia rimane una destinazione turistica molto popolare, un importante centro culturale ed è stata classificata come molte volte la città più bella del mondo. È stata descritta dal Times Online come una delle città più romantiche d'Europa e dal New York Times come "senza dubbio la più bella città costruita dall'uomo".

Storia

Origini

Affiliazioni storiche
Canal Grande da Rialto a Ca'Foscari
Veduta di Venezia dal Ponte Priuli a Santa Sofia, al Ponte de le Vele
Gondola Punta e Basilica della Salute

Sebbene nessun documento storico sopravvissuto abbia a che fare direttamente con la fondazione di Venezia, la tradizione e le prove disponibili hanno portato diversi storici a concordare sul fatto che la popolazione originaria di Venezia fosse costituita da rifugiati provenienti dalle vicine città romane come Padova , Aquileia , Treviso , Altino e Concordia (moderna Portogruaro ), così come dalla indifesa campagna-che fuggivano successive ondate di germanici e Hun invasioni. Ciò è ulteriormente supportato dalla documentazione sulle cosiddette "famiglie apostoliche", le dodici famiglie fondatrici di Venezia che elessero il primo doge, che nella maggior parte dei casi fanno risalire la loro stirpe a famiglie romane. Alcune fonti tardo-romane rivelano l'esistenza di pescatori, sulle isole delle originarie lagune paludose, denominate incolae lacunae ("abitanti della laguna"). La tradizionale fondazione si identifica con la dedica della prima chiesa, quella di San Giacomo sull'isolotto di Rialto ( Rivoalto , "Riva Alta") - che si dice sia avvenuta allo scoccare del mezzogiorno del 25 marzo 421 ( festa del Annunciazione ).

A partire dal 166-168 d.C., i Quadi e Marcomanni distrussero la principale città romana della zona, l'odierna Oderzo . Questa parte dell'Italia romana fu nuovamente invasa all'inizio del V secolo dai Visigoti e, circa 50 anni dopo, dagli Unni guidati da Attila . L'ultima e più duratura immigrazione nel nord della penisola italiana, quella dei Longobardi nel 568, lasciò all'Impero Romano d'Oriente solo un piccolo lembo di costa dell'attuale Veneto, Venezia compresa. Il territorio romano / bizantino era organizzato come l' Esarcato di Ravenna , amministrato da quell'antico porto e supervisionato da un viceré (l' Esarca ) nominato dall'imperatore a Costantinopoli . Ravenna e Venezia erano collegate solo da rotte marittime, e con l'isolamento dei veneziani arrivò una crescente autonomia. Furono costruiti nuovi porti, compresi quelli di Malamocco e Torcello nella laguna veneta. I tribuni maiores formarono il primo comitato direttivo permanente centrale delle isole della laguna, risalente al c. 568.

Il Palazzo Ducale , ex residenza del Doge di Venezia

Il tradizionale primo doge di Venezia , Paolo Lucio Anafesto (Anafestus Paulicius), fu eletto nel 697, come scritto nella cronaca più antica da Giovanni, diacono di Venezia c.  1008 . Alcuni storici moderni affermano che Paolo Lucio Anafesto era in realtà l' esarca Paolo , e il successore di Paolo, Marcello Tegalliano , era il magister militum (o "generale") di Paolo , letteralmente "maestro di soldati". Nel 726 i soldati ei cittadini dell'esarcato insorsero in una ribellione sulla controversia iconoclasta , su sollecitazione di papa Gregorio II . L'esarca, ritenuto responsabile degli atti del suo maestro, l'imperatore bizantino Leone III , fu assassinato e molti funzionari furono messi in fuga nel caos. Più o meno in questo periodo, la gente della laguna elesse per la prima volta il proprio leader indipendente, sebbene non sia chiara la relazione di questo con le rivolte. Ursus fu il primo di 117 " dogi " ( doge è l' equivalente dialettale veneziano del latino dux ("leader"); la parola corrispondente in inglese è duca , nell'italiano standard duca . (Vedi anche " duce "). Ursus sostenne la fortunata spedizione militare dell'imperatore Leone III per recuperare Ravenna, inviando uomini e navi. In riconoscimento di ciò, Venezia ottenne "numerosi privilegi e concessioni" e Ursus, che era sceso personalmente in campo, fu confermato da Leone come dux e dato il titolo aggiunto di hypatus (dal greco per " console ").

Nel 751, il re longobardo Aistulf conquistò la maggior parte dell'Esarcato di Ravenna, lasciando Venezia un avamposto bizantino solitario e sempre più autonomo. Durante questo periodo, la sede del governatore bizantino locale (il "duca / dux", poi "doge"), era a Malamocco . L'insediamento sulle isole della laguna aumentò probabilmente con la conquista longobarda di altri territori bizantini, poiché i profughi cercavano asilo nella zona. Nel 775/6 fu creata la sede vescovile di Olivolo ( San Pietro di Castello , precisamente Helipolis). Durante il regno del duca Agnello Particiaco (811–827) la sede ducale si trasferì da Malamocco alla più protetta Rialto, nell'attuale Venezia. Successivamente qui furono costruiti il monastero di San Zaccaria e il primo palazzo ducale e basilica di San Marco , nonché una difesa murata ( civitatis murus ) tra Olivolo e Rialto.

Carlo Magno cercò di sottomettere la città al suo dominio. Ordinò al papa di espellere i veneziani dalla Pentapoli lungo la costa adriatica; Lo stesso figlio di Carlo Magno Pipino d'Italia , re dei Longobardi , sotto l'autorità di suo padre, si imbarcò in un assedio della stessa Venezia. Questo, tuttavia, si è rivelato un costoso fallimento. L'assedio durò sei mesi, con l'esercito di Pipino devastato dalle malattie delle paludi locali e alla fine costretto a ritirarsi nell'810. Pochi mesi dopo, Pipino stesso morì, apparentemente a causa di una malattia contratta lì. In seguito, un accordo tra Carlo Magno e l'imperatore bizantino Niceforo nell'814 riconobbe Venezia come territorio bizantino e concesse alla città i diritti commerciali lungo la costa adriatica.

Nell'828 il prestigio della nuova città aumentò con l'acquisizione, da Alessandria , di reliquie che si diceva fossero di San Marco Evangelista ; questi furono collocati nella nuova basilica. I leoni alati, visibili in tutta Venezia, sono l' emblema di San Marco . Anche la sede patriarcale è stata spostata a Rialto. Mentre la comunità continuava a svilupparsi e con il declino del potere bizantino, la sua autonomia crebbe, portando alla definitiva indipendenza.

Espansione

La Repubblica di Venezia e il suo impero coloniale Stato da Màr .

Dal IX al XII secolo, Venezia si sviluppò in una città stato (una talassocrazia italiana o repubblica marinara ; ce n'erano altre tre: Genova , Pisa e Amalfi ). La sua posizione strategica alla punta dell'Adriatico rese quasi invulnerabile la potenza navale e commerciale veneziana. Con l'eliminazione dei pirati lungo la costa dalmata , la città divenne un fiorente centro commerciale tra l'Europa occidentale e il resto del mondo, in particolare con l' Impero bizantino e l' Asia , dove la sua marina proteggeva le rotte marittime dalla pirateria.

La Repubblica di Venezia si impadronì di un certo numero di posti sulle rive orientali dell'Adriatico prima del 1200, principalmente per motivi commerciali, perché i pirati che vi risiedevano erano una minaccia al commercio. Il doge possedeva già i titoli di Duca di Dalmazia e Duca d' Istria . Successivamente i possedimenti della terraferma, che si estendevano sul Lago di Garda fino all'estremo ovest fino al fiume Adda , furono conosciuti come Terraferma ; furono acquisiti in parte come cuscinetto contro i vicini belligeranti, in parte per garantire le rotte commerciali alpine e in parte per garantire l'approvvigionamento di grano continentale (da cui dipendeva la città). Nella costruzione del suo impero commerciale marittimo, Venezia dominò il commercio del sale, acquisì il controllo della maggior parte delle isole dell'Egeo , comprese Creta e Cipro nel Mediterraneo, e divenne un importante intermediario di potere nel Vicino Oriente . Per gli standard del tempo, la gestione di Venezia dei suoi territori continentali era relativamente illuminata e i cittadini di città come Bergamo , Brescia e Verona si schierarono in difesa della sovranità veneziana quando fu minacciata dagli invasori.

Venezia rimase strettamente associata a Costantinopoli, ricevendo due volte privilegi commerciali nell'Impero Romano d'Oriente, attraverso i cosiddetti tori d'oro o "crisobulli", in cambio dell'aiuto dell'Impero d'Oriente a resistere alle incursioni normanne e turche. Nel primo crisobullo, Venezia ha riconosciuto il suo omaggio all'impero; ma non nella seconda, che riflette il declino di Bisanzio e l'ascesa del potere di Venezia.

Venezia divenne una potenza imperiale in seguito alla Quarta Crociata , che, dopo aver deviato la rotta, culminò nel 1204 conquistando e saccheggiando Costantinopoli e stabilendo l' Impero Latino . Come risultato di questa conquista, fu riportato a Venezia un considerevole bottino bizantino. Questo bottino comprendeva i cavalli di bronzo dorato dalla Ippodromo di Costantinopoli , che sono stati originariamente collocato sopra l'ingresso alla cattedrale di Venezia, Basilica di San Marco (Gli originali sono stati sostituiti con le repliche, e sono ora conservati all'interno della Basilica.) Dopo la caduta di Costantinopoli, l'ex Impero Romano d'Oriente era diviso tra i crociati latini e i veneziani. Successivamente Venezia si è ritagliata una sfera di influenza nel Mediterraneo conosciuta come Ducato dell'Arcipelago e ha conquistato Creta.

La presa di Costantinopoli si rivelò un fattore decisivo per porre fine all'impero bizantino quanto la perdita dei temi anatolici , dopo Manzikert . Sebbene i bizantini recuperassero il controllo della città devastata mezzo secolo dopo, l'Impero bizantino fu indebolito in modo terminale ed esisteva come un fantasma del suo vecchio sé, fino a quando il sultano Mehmet il Conquistatore conquistò la città nel 1453 .

Situata sul mare Adriatico , Venezia ha sempre scambiato estesamente con l'Impero bizantino e il mondo musulmano . Alla fine del XIII secolo, Venezia era la città più prospera di tutta Europa. Al culmine della sua potenza e ricchezza, aveva 36.000 marinai che gestivano 3.300 navi, dominando il commercio mediterraneo. Le principali famiglie di Venezia gareggiavano tra loro per costruire i palazzi più grandiosi e per sostenere il lavoro dei più grandi e talentuosi artisti. La città era governata dal Gran Consiglio , che era composto da membri delle famiglie nobili di Venezia. Il Gran Consiglio ha nominato tutti i funzionari pubblici ed ha eletto un Senato da 200 a 300 persone. Poiché questo gruppo era troppo grande per un'amministrazione efficiente, un Consiglio dei Dieci (chiamato anche Consiglio Ducale, o Signoria), controllava gran parte dell'amministrazione della città. Un membro del gran consiglio è stato eletto " doge ", o duca, per essere il capo dell'esecutivo; di solito avrebbe mantenuto il titolo fino alla sua morte, sebbene diversi Dogi fossero stati costretti, su pressioni dei loro coetanei oligarchici , a dimettersi e ritirarsi in isolamento monastico , quando si sentiva che erano stati screditati dal fallimento politico.

Monumento a Bartolomeo Colleoni (1400-1475), capitano generale della Repubblica di Venezia dal 1455 al 1475.

La struttura governativa veneziana era in qualche modo simile al sistema repubblicano dell'antica Roma, con un capo esecutivo eletto (il doge), un'assemblea dei nobili simile a un senatore e la cittadinanza generale con potere politico limitato, che originariamente aveva il potere di concedere o negare l'approvazione di ogni doge neoeletto. La chiesa e varie proprietà private erano legate al servizio militare , sebbene non vi fosse alcun mandato di cavaliere all'interno della città stessa. I Cavalieri di San Marco erano l'unico ordine cavalleresco mai istituito a Venezia, e nessun cittadino poteva accettare o aderire a un ordine straniero senza il consenso del governo. Venezia rimase una repubblica per tutto il suo periodo di indipendenza, e la politica e l'esercito furono tenuti separati, tranne quando a volte il Doge diresse personalmente l'esercito. La guerra era considerata come una continuazione del commercio con altri mezzi. Pertanto il primo impiego della città di un gran numero di mercenari per il servizio altrove, e in seguito la sua dipendenza da mercenari stranieri quando la classe dominante era preoccupata per il commercio).

La mappa del mondo di
Fra Mauro . La mappa è stata realizzata intorno al 1450 e raffigura l' Asia , l' Africa e l' Europa .
Veduta del bacino di
San Marco nel 1697.

Sebbene il popolo di Venezia rimase generalmente cattolico romano ortodosso, lo stato di Venezia era notevole per la sua libertà dal fanatismo religioso e non giustiziò nessuno per eresia religiosa durante la Controriforma . Questa apparente mancanza di zelo contribuì ai frequenti conflitti di Venezia con il papato . In questo contesto, gli scritti del divino anglicano William Bedell sono particolarmente illuminanti. Venezia è stata più volte minacciata di interdetto e due volte ha subito la sua imposizione. Il secondo, più noto, occasione è stata nel 1606, per ordine di papa Paolo V .

La macchina da stampa tedesca di recente invenzione si diffuse rapidamente in tutta Europa nel XV secolo e Venezia fu pronta ad adottarla. Nel 1482, Venezia era la capitale mondiale della stampa; il principale stampatore era Aldus Manutius , che inventò i libri tascabili che potevano essere trasportati in una bisaccia. Le sue edizioni Aldine includevano traduzioni di quasi tutti i manoscritti greci conosciuti dell'epoca.

Declino

Il lungo declino di Venezia iniziò nel XV secolo. Venezia di fronte l' Impero Ottomano nella assedio di Tessalonica (1422-1430) e le navi inviate per difendere Costantinopoli contro i Turchi che assediavano nel 1453. Dopo la caduta di Costantinopoli sultano Mehmed II ha dichiarato il primo di una serie di guerre ottomano-veneziani che costo Venezia gran parte dei suoi possedimenti del Mediterraneo orientale. Il viaggio di Vasco da Gama dal 1497 al 1499 aprì una rotta marittima verso l' India intorno al Capo di Buona Speranza e distrusse il monopolio di Venezia. Le navi a remi di Venezia erano in svantaggio quando si trattava di attraversare gli oceani , quindi Venezia fu lasciata indietro nella corsa alle colonie .

La peste nera aveva devastato Venezia nel 1348 e la colpì di nuovo tra il 1575 e il 1577. In tre anni, la peste uccise circa 50.000 persone. Nel 1630, la peste italiana del 1629–31 uccise un terzo dei 150.000 cittadini di Venezia.

Venezia iniziò a perdere la sua posizione di centro del commercio internazionale durante l'ultima parte del Rinascimento, quando il Portogallo divenne il principale intermediario dell'Europa nel commercio con l'Oriente, colpendo le fondamenta della grande ricchezza di Venezia. Francia e Spagna hanno combattuto per l' egemonia sull'Italia nelle guerre italiane , marginalizzando la sua influenza politica. Tuttavia, Venezia rimase un importante esportatore di prodotti agricoli e fino alla metà del XVIII secolo un importante centro manifatturiero .

Età moderna

1870 vista panoramica di Venezia
Francesco Guardi , The Grand Canal , 1760 circa ( Art Institute of Chicago )

Durante il XVIII secolo, Venezia divenne forse la città più elegante e raffinata d'Europa, influenzando notevolmente l'arte, l'architettura e la letteratura. Ma la Repubblica perse la sua indipendenza quando Napoleone Bonaparte conquistò Venezia il 12 maggio 1797 durante la Guerra della Prima Coalizione . Napoleone era visto come una specie di liberatore dalla popolazione ebraica della città. Ha rimosso le porte del ghetto e ha posto fine alle restrizioni su quando e dove gli ebrei potevano vivere e viaggiare in città.

Venezia divenne territorio austriaco quando Napoleone firmò il Trattato di Campo Formio il 12 ottobre 1797. Gli austriaci presero il controllo della città il 18 gennaio 1798. Venezia fu presa dall'Austria con il Trattato di Pressburg nel 1805 ed entrò a far parte del Regno d'Italia di Napoleone . Fu restituito all'Austria in seguito alla sconfitta di Napoleone nel 1814, quando entrò a far parte del Regno Lombardo-Veneto di proprietà austriaca . Nel 1848 una rivolta ristabilì brevemente la repubblica veneta sotto Daniele Manin , ma questa fu repressa nel 1849. Nel 1866, dopo la terza guerra d'indipendenza italiana , Venezia, insieme al resto del Veneto, entrò a far parte del nuovo regno d'Italia .

Dalla metà del Settecento Trieste e Ancona pontificia , divenute entrambe porti franchi, competono sempre più economicamente con Venezia. La Trieste asburgica in particolare fiorì e servì sempre più il commercio attraverso il Canale di Suez , che aprì nel 1869, tra l'Asia e l'Europa centrale, mentre Venezia perse molto rapidamente il suo vantaggio competitivo e la sua forza commerciale.

Impressione mattutina lungo un canale a Venezia, Veneto, Italia di Rafail Levitsky (1896)
Vista dal Ponte dei Sospiri

Durante la seconda guerra mondiale , la città storica era in gran parte libera da attacchi, l'unico sforzo aggressivo degno di nota fu l' operazione Bowler , un attacco di precisione della Royal Air Force riuscito sulle operazioni navali tedesche nella città nel marzo 1945. Gli obiettivi furono distrutti praticamente nessun danno architettonico inflitto alla città stessa. Tuttavia, le aree industriali di Mestre e Marghera e le linee ferroviarie per Padova, Trieste e Trento furono ripetutamente bombardate . Il 29 aprile 1945, una forza di truppe britanniche e neozelandesi dell'Ottava Armata britannica , al comando del tenente generale Freyberg , liberò Venezia, che era stata un focolaio di attività partigiana italiana anti-Mussolini.

Geografia

Venezia si trova in cima al limo alluvionale bagnato nel mare dai fiumi che scorrono verso est dalle Alpi attraverso la pianura veneta , con il limo che viene allungato in lunghi argini, o lidi , dall'azione della corrente che scorre intorno alla testa del Mar Adriatico da est a ovest.

Subsidenza

Piazza San Marco sotto l'acqua nel 2007
Acqua alta a Venezia, 2008
Venezia e dintorni in falsi colori, dalla Terra . L'immagine è orientata con il Nord in alto.

Il cedimento , il progressivo abbassamento della superficie di Venezia, ha contribuito, insieme ad altri fattori, alla stagionalità dell'Acqua alta, quando gran parte della superficie della città è occasionalmente coperta con l'alta marea.

Fondamenta di edifici

Coloro che fuggivano dalle invasioni barbariche e che trovavano rifugio sulle sabbiose isole di Torcello, Iesolo e Malamocco, in questa laguna costiera, impararono a costruire piantando pile ravvicinate costituite da tronchi di ontano , bosco noto per la sua impermeabilità, nel fango e sabbia, fino a raggiungere uno strato molto più duro di argilla compressa . Le fondamenta degli edifici poggiavano su lastre di pietra calcarea istriana poste sopra i pali.

Allagamento

Tra l'autunno e l'inizio della primavera, la città è spesso minacciata dalle maree che spingono dall'Adriatico . Seicento anni fa, i veneziani si proteggevano dagli attacchi terrestri deviando tutti i principali fiumi che sfociano nella laguna e impedendo così ai sedimenti di riempire l'area intorno alla città. Questo ha creato un ambiente lagunare sempre più profondo.

Nel 1604, per far fronte alle spese di allagamento, Venezia introdusse quello che potrebbe essere considerato il primo esempio di " tassa di bollo ". Quando le entrate furono inferiori alle aspettative nel 1608, Venezia introdusse la carta, con la soprascritta "AQ" e istruzioni stampate, che doveva essere utilizzata per le "lettere ai funzionari". In un primo momento, questa doveva essere una tassa temporanea, ma rimase in vigore fino alla caduta della Repubblica nel 1797. Poco dopo l'introduzione della tassa, la Spagna produsse carta simile a fini fiscali generali e la pratica si diffuse in altri paesi.

Durante il XX secolo, quando molti pozzi artesiani furono affondati nella periferia della laguna per attingere l'acqua per l'industria locale, Venezia iniziò a declinare . Si è capito che la causa era l' estrazione dell'acqua dalla falda acquifera . L'affondamento è notevolmente rallentato da quando i pozzi artesiani furono vietati negli anni '60. Tuttavia, la città è ancora minacciata da più frequenti alluvioni di bassa quota - l' Acqua alta , che sale ad un'altezza di diversi centimetri sulle sue banchine - regolarmente a seguito di determinate maree. In molte vecchie case, le scale un tempo utilizzate per lo scarico delle merci sono ora allagate, rendendo inabitabile l'ex piano terra.

Gli studi indicano che la città continua ad affondare a un ritmo relativamente lento di 1-2   mm all'anno; pertanto, lo stato di allerta non è stato revocato.

Nel maggio 2003, il Primo Ministro italiano Silvio Berlusconi ha inaugurato il Progetto MOSE ( Modulo Sperimentale Elettromeccanico ), un modello sperimentale per la valutazione delle prestazioni dei cancelli galleggianti cavi; l'idea è di fissare una serie di 78 pontili cavi al fondo del mare attraverso i tre ingressi alla laguna. Quando si prevede che le maree supereranno i 110 cm, i pontoni saranno riempiti d'aria, facendoli galleggiare e bloccando l'acqua in arrivo dal mare Adriatico. Questo lavoro di ingegneria doveva essere completato entro il 2018. Un rapporto Reuters ha affermato che il progetto MOSE ha attribuito il ritardo a "scandali di corruzione". Il successo del progetto non è garantito e il costo è stato molto elevato, con una perdita di circa 2 miliardi di euro a causa della corruzione.

Secondo un portavoce del FAI :

Il Mose è un progetto faraonico che sarebbe dovuto costare 800 milioni di euro [675 milioni di sterline] ma almeno 7 miliardi di euro [6 miliardi di sterline]. Se le barriere vengono chiuse a soli 90 cm di altezza d'acqua, la maggior parte di San Marco verrà comunque allagata; ma se chiuso solo a livelli molto alti, la gente si chiederà quale sia la logica di spendere tali somme per qualcosa che non ha risolto il problema. E la pressione verrà dalle navi da crociera per mantenere i cancelli aperti.

Il 13 novembre 2019, Venezia è stata allagata quando le acque hanno raggiunto il picco di 1,87 m (6 piedi), la marea più alta dal 1966 (1,94 m). Più dell'80% della città è stata coperta dall'acqua, che ha danneggiato i siti del patrimonio culturale, tra cui più di 50 chiese, portando i turisti a cancellare le loro visite. La prevista barriera contro le inondazioni avrebbe prevenuto questo incidente secondo varie fonti, tra cui Marco Piana, responsabile della conservazione della Basilica di San Marco. Il sindaco ha promesso che i lavori sulla barriera contro le inondazioni continueranno e il primo ministro ha annunciato che il governo accelererà il progetto.

Il sindaco della città, Luigi Brugnaro , ha accusato le inondazioni dei cambiamenti climatici . Le camere del Consiglio regionale del Veneto hanno iniziato ad essere allagate intorno alle 22, due minuti dopo che la Giunta aveva respinto un piano per combattere il riscaldamento globale. Uno degli effetti del cambiamento climatico è l' innalzamento del livello del mare che provoca un aumento della frequenza e dell'entità delle inondazioni nella città. Un rapporto del Washington Post ha fornito un'analisi più approfondita:

"Il livello del mare è salito ancora più rapidamente a Venezia che in altre parti del mondo. Allo stesso tempo, la città sta affondando, il risultato dello spostamento delle placche tettoniche sotto la costa italiana. Questi fattori insieme, insieme al più frequente eventi meteorologici estremi associati al cambiamento climatico, contribuiscono alle inondazioni ".

Henk Ovink , un esperto di inondazioni, ha detto alla CNN che, mentre i fattori ambientali fanno parte del problema, "le inondazioni storiche a Venezia non sono solo il risultato della crisi climatica, ma delle infrastrutture carenti e della cattiva gestione".

Il governo italiano si è impegnato a fornire 20 milioni di euro di finanziamenti per aiutare la città a riparare gli aspetti più urgenti, sebbene la stima di Brugnaro del danno totale fosse "centinaia di milioni" per almeno 1 miliardo di euro.

Il 3 ottobre 2020, il MOSE è stato attivato per la prima volta in risposta a un previsto evento di alta marea, che ha impedito l'allagamento di alcune delle parti basse della città (in particolare Piazza San Marco).

Clima

Secondo la classificazione climatica di Köppen , Venezia ha un clima subtropicale umido di media latitudine, quattro stagioni ( Cfa ), con inverni freddi ed estati calde e umide. La temperatura media nelle 24 ore di gennaio è di 3,3 ° C (37,9 ° F), mentre per luglio questa cifra è di 23,0 ° C (73,4 ° F). Le precipitazioni sono distribuite in modo relativamente uniforme durante tutto l'anno e in media 748 millimetri (29,4 pollici); la neve non è una rarità tra la fine di novembre e l'inizio di marzo. Durante gli inverni più rigidi, i canali e le parti della laguna possono gelare, ma con la tendenza al riscaldamento degli ultimi 30-40 anni, il verificarsi è diventato più raro.

Dati climatici per Venezia (1971–2000)
Mese Jan Feb Mar Apr Maggio Jun Lug Ago Sep Ott Nov Dic Anno
Media alta ° C (° F) 6,6
(43,9)
8,6
(47,5)
12,5
(54,5)
16,1
(61,0)
21,5
(70,7)
24,9
(76,8)
27,7
(81,9)
27,5
(81,5)
23,5
(74,3)
18,0
(64,4)
11,6
(52,9)
7,4
(45,3)
17,2
(63,0)
Media giornaliera ° C (° F) 3,3
(37,9)
4,7
(40,5)
8,3
(46,9)
12,0
(53,6)
17,1
(62,8)
20,5
(68,9)
23,0
(73,4)
22,6
(72,7)
18,9
(66,0)
13,8
(56,8)
7,8
(46,0)
4,0
(39,2)
13,0
(55,4)
Media bassa ° C (° F) −0,1
(31,8)
0,8
(33,4)
4,1
(39,4)
7,8
(46,0)
12,7
(54,9)
16,1
(61,0)
18,3
(64,9)
17,7
(63,9)
14,3
(57,7)
9,6
(49,3)
4,0
(39,2)
0,6
(33,1)
8,8
(47,8)
Precipitazione media mm (pollici) 47,0
(1,85)
48,3
(1,90)
48,8
(1,92)
70,0
(2,76)
66,0
(2,60)
78,0
(3,07)
63,9
(2,52)
64,8
(2,55)
72,0
(2,83)
73,5
(2,89)
65,5
(2,58)
50,6
(1,99)
748,4
(29,46)
Giorni con precipitazione media (≥ 1,0 mm) 6.0 5.2 5.7 8.3 8.2 8.6 5.9 6.1 5.9 6.7 5.8 5.9 78.3
Media umidità relativa (%) 81 77 75 75 73 74 71 72 75 77 79 81 75.8
Ore di sole mensili medie 80.6 107.4 142.6 174.0 229.4 243.0 288.3 257.3 198.0 151.9 87.0 77.5 2.037
Percentuale di luce solare possibile 29 38 38 41 49 51 62 59 51 45 29 28 43
Fonte 1: MeteoAM (sole e umidità 1961-1990)
Fonte 2: Weather Atlas
Dati climatici per Venezia
Mese Jan Feb Mar Apr Maggio Jun Lug Ago Sep Ott Nov Dic Anno
Temperatura media del mare ° C (° F) 9,9
(49,8)
8,7
(47,7)
9,9
(49,8)
13,4
(56,1)
18,6
(65,5)
23,4
(74,1)
25,4
(77,7)
25,4
(77,7)
23,6
(74,5)
19,3
(66,7)
16,0
(60,8)
13,2
(55,8)
17,2
(63,0)
Ore diurne medie giornaliere 9.0 10.0 12.0 14.0 15.0 16.0 15.0 14.0 13.0 11.0 10.0 9.0 12.3
Indice ultravioletto medio 1 2 3 5 7 8 8 7 5 3 2 1 4.3
Fonte n. 1: seatemperature.org (temperatura media del mare)
Fonte n. 2: Atlante meteorologico

Demografia

Popolazione storica
Anno Pop. ±%
1000 60.000 -    
1200 80.000 + 33,3%
1300 180.000 + 125,0%
1400 110.000 −38,9%
1423 150.000 + 36,4%
1500 100.000 −33,3%
1560 170.000 + 70,0%
1600 200.000 + 17,6%
1700 140.000 −30,0%
1800 140.000 + 0,0%

La città era una delle più grandi d'Europa nell'alto medioevo , con una popolazione di 60.000 abitanti nel 1000 d.C. 80.000 nel 1200; e aumentò fino a 110.000-180.000 nel 1300. A metà del 1500 la popolazione della città era 170.000 e nel 1600 quasi 200.000.

Nel 2009 le persone residenti nel Comune di Venezia erano 270.098 (la stima della popolazione di 272.000 abitanti comprende circa 60.000 nella città storica di Venezia (Centro storico), 176.000 a Terraferma (terraferma) e 31.000 nelle altre isole della laguna ); Il 47,4% era di sesso maschile e il 52,6% di sesso femminile. I minori (di età pari o inferiore a 18 anni) erano il 14,36% della popolazione rispetto ai pensionati che erano il 25,7%. Ciò rispetto alla media italiana rispettivamente del 18,06% e del 19,94%. L'età media dei veneziani è di 46 anni rispetto alla media italiana di 42 anni. Nel quinquennio 2002-2007 la popolazione veneziana è diminuita dello 0,2%, mentre l'Italia nel suo complesso è cresciuta del 3,85%. La popolazione nel centro storico è diminuita molto più rapidamente: da circa 120.000 nel 1980 a circa 60.000 nel 2009, fino a meno di 55.000 nel 2016.

Nel 2018, l'86% della popolazione era italiana. I maggiori gruppi di immigrati includono: 5.934 (2,3%) bengalesi , 5.578 (2,1%) rumeni , 4.460 (1,7%) moldavi , 3.351 (1,3%) cinesi e 2.511 (1%) ucraini .

Venezia è prevalentemente cattolica romana (85,0% della popolazione residente nell'area del Patriarcato di Venezia nel 2018), ma a causa del rapporto di lunga data con Costantinopoli , c'è anche una notevole presenza ortodossa ; e come risultato dell'immigrazione, ora c'è una grande comunità musulmana (circa 25.000 o il 9,5% della popolazione cittadina nel 2018) e alcuni abitanti indù e buddisti .

Dal 1991, la Chiesa di San Giorgio dei Greci a Venezia è diventata la sede della greca Arcidiocesi Ortodossa d'Italia e Malta ed Esarcato per l'Europa meridionale , un rito bizantino diocesi sotto il Patriarcato ecumenico di Costantinopoli .

C'è anche una storica comunità ebraica a Venezia. Il ghetto veneziano era l'area in cui gli ebrei erano costretti a vivere sotto la Repubblica di Venezia. La parola ghetto , originariamente veneziana , si trova ora in molte lingue. L'opera teatrale di Shakespeare Il mercante di Venezia , scritta alla fine del XVI secolo, presenta Shylock , un ebreo veneziano. La prima edizione stampata completa e non censurata del Talmud fu stampata a Venezia da Daniel Bomberg nel 1523. Durante la seconda guerra mondiale , gli ebrei furono radunati a Venezia e deportati nei campi di sterminio . Dalla fine della guerra, la popolazione ebraica di Venezia è diminuita dal 1500 a circa 500. Solo una trentina di ebrei vivono nell'ex ghetto che ospita le principali istituzioni ebraiche della città. Nei tempi moderni, Venezia ha un eruv , utilizzato dalla comunità ebraica.

Governo

Governo locale e regionale

L'organo legislativo del Comune è il Consiglio Comunale , composto da 36 consiglieri eletti ogni cinque anni con sistema proporzionale, contestualmente alle elezioni del sindaco. L'organo esecutivo è l'Amministrazione Comunale ( Giunta Comunale ), composta da 12 assessori nominati e presieduti da un Sindaco eletto direttamente .

Venezia è stata governata dai partiti di centrosinistra dall'inizio degli anni '90 fino agli anni '10, quando il sindaco ha iniziato ad essere eletto direttamente. La sua regione, il Veneto , è stata a lungo una roccaforte conservatrice, con la coalizione tra la Lega Nord regionalista e il centro-destra Forza Italia che ha ottenuto la maggioranza assoluta dell'elettorato in molte elezioni a livello locale, nazionale e regionale.

L'attuale sindaco di Venezia è Luigi Brugnaro , imprenditore indipendente di centrodestra che sta attualmente scontando il suo secondo mandato.

Il comune di Venezia è inoltre suddiviso in sei comuni amministrativi ( municipalità ). Ogni distretto è governato da un consiglio ( Consiglio ) e un presidente, eletti ogni cinque anni. L'organizzazione urbana è dettata dall'articolo 114 della Costituzione italiana . I Comuni hanno facoltà di consigliare il Sindaco con pareri non vincolanti su un ampio spettro di tematiche (ambiente, edilizia, sanità pubblica, mercati locali) ed esercitare le funzioni loro delegate dal Consiglio Comunale; inoltre, vengono forniti con finanziamenti autonomi per finanziare le attività locali.

I borghi sono:

Borgo Popolazione Presidente Festa Termine MunicipalitaVCE.png
Zona lagunare
1 Venezia (Città storica) - Murano - Burano 69.136 Marco Borghi PD 2020-2025
2 Lido - Pellestrina 21.664 Emilio Guberti Ind 2020-2025
Terraferma ( terraferma )
3 Favaro Veneto 23.615 Marco Bellato Ind 2020-2025
4 Mestre –Carpenedo 88.592 Raffaele Pasqualetto LN 2020-2025
5 Chirignago – Zelarino 38.179 Francesco Tagliapietra Ind 2020-2025
6 Marghera 28.466 Teodoro Marolo Ind 2020-2025
Appunti

Sestieri

La città storica di Venezia è suddivisa in sei zone chiamate sestieri :

Sestiere Sestieri di Venezia.svg
Cannaregio
San Polo
Dorsoduro (comprese Giudecca e Sacca Fisola )
Santa Croce
San Marco (compreso San Giorgio Maggiore )
Castello (compresi San Pietro di Castello , San Michele e Sant'Elena )

Ora, ogni sestiere è un'area statistica e storica senza alcun grado di autonomia.

Le sei dita o falangi del ferro sulla prua di una gondola rappresentano i sei sestieri .

I sestieri sono divisi in parrocchie - inizialmente 70 nel 1033, ma ridotte sotto Napoleone , e ora sono solo 38. Queste parrocchie sono antecedenti ai sestieri , che furono creati intorno al 1170. Ogni parrocchia mostrava caratteristiche uniche ma faceva parte di una rete integrata. Ogni comunità ha scelto il proprio santo patrono, ha organizzato le proprie feste, si è riunita attorno al proprio mercato, ha costruito i propri campanili e ha sviluppato le proprie usanze.

Altre isole della Laguna di Venezia non fanno parte di nessuno dei sestieri , avendo storicamente goduto di un notevole grado di autonomia.

Ogni sestiere ha il proprio sistema di numerazione civica. Ogni casa ha un numero univoco nel distretto, da uno a diverse migliaia, generalmente numerate da un angolo all'altro dell'area, ma di solito non in modo facilmente comprensibile.

Economia

L'economia di Venezia è cambiata nel corso della storia. Sebbene ci siano poche informazioni specifiche sui primi anni, è probabile che un'importante fonte di prosperità della città fosse il commercio di schiavi, catturati nell'Europa centrale e venduti al Nord Africa e al Levante. La posizione di Venezia all'estremità dell'Adriatico, e direttamente a sud del capolinea del Brennero sulle Alpi, le avrebbe dato un netto vantaggio come intermediario in questo importante commercio. Nel Medioevo e nel Rinascimento , Venezia era un importante centro per il commercio e il commercio, poiché controllava un vasto impero marittimo, e divenne una città europea estremamente ricca e leader negli affari politici ed economici. Dall'XI secolo al XV secolo, a Venezia venivano offerti pellegrinaggi in Terra Santa . Altri porti come Genova , Pisa , Marsiglia , Ancona e Dubrovnik difficilmente potevano competere con il trasporto ben organizzato dei pellegrini da Venezia.

Come Murano, anche Burano è una meta turistica, solitamente raggiunta in vaporetto
La spiaggia del Lido di Venezia
Ponte dei Sospiri , uno dei siti più visitati della città

Tutto cambiò nel XVII secolo, quando l'impero commerciale di Venezia fu rilevato da paesi come il Portogallo e la sua importanza come potenza navale fu ridotta. Nel XVIII secolo, poi, divenne un importante esportatore agricolo e industriale. Il più grande complesso industriale del XVIII secolo era l' Arsenale di Venezia , e l'esercito italiano lo utilizza ancora oggi (anche se alcuni spazi sono stati utilizzati per importanti produzioni teatrali e culturali, e come spazi per l'arte). Dalla seconda guerra mondiale, molti veneziani si sono trasferiti nelle vicine città di Mestre e Porto Marghera , in cerca di lavoro e alloggi a prezzi accessibili.

Oggi l'economia di Venezia è basata principalmente sul turismo, la cantieristica navale (principalmente a Mestre e Porto Marghera), i servizi, il commercio e le esportazioni industriali. Anche la produzione del vetro di Murano a Murano e la produzione del merletto a Burano sono molto importanti per l'economia.

La città sta affrontando sfide finanziarie. Alla fine del 2016 aveva un forte deficit nel suo bilancio e debiti superiori a 400 milioni di euro. "In effetti, il posto è in bancarotta", secondo un rapporto di The Guardian . Molti locali stanno lasciando il centro storico a causa del rapido aumento degli affitti. Il calo della popolazione autoctona influisce sul carattere della città, come ha sottolineato nel sottotitolo un articolo del National Geographic dell'ottobre 2016 : "I residenti stanno abbandonando la città, che rischia di diventare un parco a tema troppo costoso". La città sta anche affrontando altre sfide, tra cui erosione, inquinamento, cedimento, un numero eccessivo di turisti nei periodi di punta e problemi causati da navi da crociera di grandi dimensioni che navigano vicino alle rive della città storica.

Nel giugno 2017, l'Italia è stata chiamata a salvare due banche venete, la Banca Popolare di Vicenza e la Veneto Banca, per evitare i loro fallimenti. Entrambe le banche verrebbero liquidate e le loro attività di valore rilevate da un'altra banca italiana, Intesa Sanpaolo, che riceverebbe 5,2 miliardi di euro a titolo di risarcimento. Il governo italiano sarebbe responsabile delle perdite derivanti da eventuali prestiti inesigibili dalle banche chiuse. Il costo sarebbe di 5,2 miliardi di euro, con ulteriori garanzie a copertura delle sofferenze per un totale di 12 miliardi di euro.

Turismo

Piazzetta San Marco con il Palazzo Ducale a sinistra e le colonne del Leone di Venezia e San Teodoro al centro.
Le gondole condividono il corso d'acqua con altri tipi di imbarcazioni (compresi i vaporetti)

Venezia è una destinazione importante per i turisti che vogliono vedere la sua celebre arte e architettura. La città ospita fino a 60.000 turisti al giorno (stima 2017). Le stime del numero annuo di turisti variano da 22 milioni a 30 milioni. Questo " overtourism " crea sovraffollamento e problemi ambientali per l'ecosistema di Venezia. Entro il 2017, l' UNESCO stava valutando l'aggiunta di Venezia alla sua lista "In-Danger", che include rovine storiche in paesi dilaniati dalla guerra. Per ridurre il numero di visitatori, che stanno causando cambiamenti irreversibili a Venezia, l'agenzia sostiene la limitazione del numero di navi da crociera e l'attuazione di una strategia per un turismo più sostenibile .

Il turismo è stato una parte importante dell'economia veneziana sin dal XVIII secolo, quando Venezia, con il suo bellissimo paesaggio urbano, l'unicità e il ricco patrimonio culturale musicale e artistico, era una tappa del Grand Tour . Nel XIX secolo, Venezia divenne un centro alla moda per i "ricchi e famosi", che spesso soggiornavano e cenavano in locali di lusso come l'Hotel Danieli e il Caffè Florian , e continuarono ad essere una città alla moda fino all'inizio del XX secolo. Negli anni '80 il Carnevale di Venezia è stato ripreso; e la città è diventata un importante centro di convegni e festival internazionali, come la prestigiosa Biennale di Venezia e il Festival del Cinema di Venezia , che attirano visitatori da tutto il mondo per le loro produzioni teatrali, culturali, cinematografiche, artistiche e musicali.

Oggi ci sono numerose attrazioni a Venezia, come la Basilica di San Marco , il Palazzo Ducale , il Canal Grande e Piazza San Marco . Il Lido di Venezia è anche una popolare destinazione internazionale del lusso, che attrae migliaia di attori, critici, celebrità e altri nel settore cinematografico. La città fa anche molto affidamento sul business delle crociere. Il Comitato Cruise Venice ha stimato che i passeggeri delle navi da crociera spendono più di 150 milioni di euro (193 milioni di dollari) all'anno in città, secondo un rapporto del 2015. Altri rapporti, tuttavia, sottolineano che tali escursionisti trascorrono relativamente poco nelle poche ore delle loro visite in città.

Venezia è considerata da alcuni come una trappola per turisti e da altri come un "museo vivente".

Mitigare gli effetti del turismo

La necessità di tutelare l'ambiente storico della città e i fragili canali, a fronte di una possibile perdita di posti di lavoro prodotta dal turismo crocieristico, ha visto il Ministero dei Trasporti italiano tentare di introdurre un divieto alle grandi navi da crociera in visita in città. Un divieto del 2013 avrebbe consentito l'ingresso nel Canale della Giudecca e nel bacino di San Marco solo alle navi da crociera di dimensioni inferiori a 40.000 tonnellate lorde . Nel gennaio 2015, un tribunale regionale ha annullato il divieto, ma alcune compagnie di crociera globali hanno indicato che avrebbero continuato a rispettarlo fino a quando non fosse stata trovata una soluzione a lungo termine per la protezione di Venezia.

Pulizia dei canali alla fine degli anni '90.

P&O Cruises ha rimosso Venezia dal suo programma estivo; Holland America ha spostato una delle sue navi da quest'area in Alaska; e Cunard ha ridotto (nel 2017 e ulteriormente nel 2018) il numero di visite delle sue navi. Di conseguenza, l'Autorità Portuale di Venezia ha stimato un calo dell'11,4% delle navi da crociera in arrivo nel 2017 rispetto al 2016, portando a una riduzione simile del reddito per Venezia.

Gondolieri sul Canal Grande

Dopo aver fallito nel tentativo del 2013 di vietare le navi da crociera di grandi dimensioni dal Canale della Giudecca, la città è passata a una nuova strategia a metà del 2017, vietando la creazione di ulteriori hotel. Attualmente ci sono oltre 24.000 camere d'albergo. Il divieto non riguarda gli affitti a breve termine nel centro storico che stanno determinando un aumento del costo della vita per i residenti nativi di Venezia. La città aveva già vietato qualsiasi ulteriore fast food "da asporto", per mantenere il carattere storico della città, che era un altro motivo per congelare il numero di camere d'albergo. Tuttavia, meno della metà dei milioni di visitatori annuali pernottano.

La città ha anche considerato il divieto delle valigie con ruote , ma ha deciso di vietare le ruote di plastica dura per il trasporto di merci a partire da maggio 2015.

Oltre ad accelerare l'erosione delle fondamenta della città antica e creare un po 'di inquinamento nella laguna, le navi da crociera che lasciano cadere un numero eccessivo di escursionisti possono rendere Piazza San Marco e altre famose attrazioni troppo affollate per attraversarle durante l'alta stagione. I funzionari governativi vedono poco valore per l'economia dai turisti "mangia e fuggi" che rimangono per meno di un giorno, tipico di quelli delle navi da crociera.

Alcuni locali hanno continuato a fare pressioni aggressive per nuovi metodi che avrebbero ridotto il numero di passeggeri delle navi da crociera; la loro stima indicava che ci sono fino a 30.000 turisti di questo tipo al giorno nei periodi di punta, mentre altri concentrano i loro sforzi sulla promozione di un modo più responsabile di visitare la città. Nel giugno 2017 si è tenuto un referendum non ufficiale per vietare le grandi navi da crociera. Più di 18.000 persone hanno votato in 60 seggi elettorali allestiti da attivisti e 17.874 erano favorevoli a vietare le grandi navi dalla laguna. La popolazione di Venezia all'epoca era di circa 50.000 abitanti. Gli organizzatori del referendum hanno appoggiato un piano per costruire un nuovo terminal per navi da crociera in uno dei tre ingressi della Laguna di Venezia . I passeggeri sarebbero stati trasferiti nell'area storica su imbarcazioni più piccole.

Il 28 febbraio 2019 il Consiglio Comunale di Venezia ha votato a favore di un nuovo regolamento comunale che impone agli escursionisti che visitano il centro storico e le isole della laguna di pagare un nuovo canone di accesso. Le entrate extra del canone sarebbero state utilizzate per le pulizie, il mantenimento della sicurezza, la riduzione dell'onere finanziario per i residenti di Venezia e per "consentire ai veneziani di vivere con più decoro". La nuova tassa sarebbe compresa tra € 3 e € 10 a persona, a seconda del flusso turistico previsto nella città vecchia. La quota può essere revocata per alcune tipologie di viaggiatori: inclusi studenti, minori di 6 anni, volontari, residenti in Veneto e partecipanti ad eventi sportivi. Sarebbero esentati anche i visitatori notturni, che già pagano una tassa di "soggiorno" e rappresentano circa il 40% dei 28 milioni di visitatori annuali di Venezia. La tariffa di accesso avrebbe dovuto entrare in vigore a settembre 2019; ma è stato rinviato, prima, al 1 ° gennaio 2020, e poi, ancora, a causa della pandemia di coronavirus. Le nuove tariffe sarebbero imposte ai turisti che non pernottano e dovrebbero entrare in vigore il 1 ° gennaio 2022.

Deviare le navi da crociera

Dopo aver fallito nel tentativo del 2013 di vietare le navi da crociera di grandi dimensioni dal Canale della Giudecca, il Comitatone interministeriale italiano che sovrintende alla laguna di Venezia ha emesso una direttiva ufficiale nel novembre 2017 per tenere le navi da crociera più grandi lontane da Piazza San Marco e dall'ingresso del Grand Canale. Le navi di oltre 55.000 tonnellate dovranno seguire un percorso specifico attraverso il Canale Vittorio Emmanuele III per raggiungere Marghera , zona industriale della terraferma, dove sarebbe costruito un terminal passeggeri.

Nave da crociera e gondole nel Bacino San Marco

Nel 2014, le Nazioni Unite hanno avvertito la città che potrebbe essere inserita nella lista del patrimonio mondiale in pericolo dell'UNESCO a meno che le navi da crociera non siano bandite dai canali vicino al centro storico.

Secondo i funzionari, il piano per creare una rotta alternativa per le navi richiederebbe un ampio dragaggio del canale e la costruzione di un nuovo porto, che richiederebbe quattro anni, in totale, per essere completato. Tuttavia, il gruppo di attivisti No Grandi Navi (No big Ships), ha sostenuto che gli effetti dell'inquinamento causato dalle navi non sarebbero stati attenuati dal piano di riprotezione.

Il 2 giugno 2019, la nave da crociera MSC Opera ha speronato un battello turistico fluviale, il fiume Contessa , che era attraccato sul Canale della Giudecca, ferendo cinque persone, oltre a causare danni alla proprietà. L'incidente ha immediatamente portato a rinnovate richieste di vietare le grandi navi da crociera dal Canale della Giudecca, tra cui un messaggio Twitter in tal senso pubblicato dal ministro dell'Ambiente. Il sindaco della città ha esortato le autorità ad accelerare i passaggi necessari alle navi da crociera per iniziare a utilizzare il canale alternativo Vittorio Emanuele. Il ministro dei Trasporti italiano ha parlato di una "soluzione per proteggere sia la laguna che il turismo ... dopo molti anni di inerzia" ma non sono stati riportati i dettagli. A giugno 2019 non è stato ancora approvato il piano del 2017 per stabilire una rotta alternativa per le grandi navi, impedendo loro di avvicinarsi all'area storica della città.

Ciononostante, il 7 agosto 2019 il governo italiano ha rilasciato un annuncio che avrebbe iniziato a deviare le navi da crociera più grandi di 1000 tonnellate dal Canale della Giudecca della città storica. Per gli ultimi quattro mesi del 2019 tutte le navi pesanti attracceranno ai terminal di Fusina e Lombardia che sono ancora in laguna ma lontani dalle isole centrali. Secondo Danilo Toninelli, ministro per Venezia, entro il 2020 un terzo di tutte le navi da crociera sarà dirottato. Secondo la Cruise Lines International Association, i lavori di preparazione per il Canale Vittorio Emanuele dovevano iniziare presto per una soluzione a lungo termine. A lungo termine, lo spazio per le navi sarebbe previsto nei nuovi terminal, forse a Chioggia o al Lido San Nicolo. Tale piano non era tuttavia imminente, poiché le consultazioni pubbliche non erano ancora iniziate. Oltre 1,5 milioni di persone all'anno arrivano a Venezia sulle navi da crociera.

Trasporti

Nel centro storico

Veduta aerea di Venezia compreso il Ponte della Libertà verso la terraferma.
Sandolo in una foto di Paolo Monti del 1965. Fondo Paolo Monti, BEIC .
Piroscafo
P & O , 1870 circa.

Venezia è costruita su un arcipelago di 118 isole in una laguna poco profonda di 550 km 2 (212 miglia quadrate) , collegata da 400 ponti su 177 canali. Nel XIX secolo, una strada rialzata verso la terraferma portò la ferrovia a Venezia . L'adiacente strada rialzata del Ponte della Libertà e il parcheggio del terminal dell'isola del Tronchetto e di Piazzale Roma furono costruiti nel corso del XX secolo. Al di là di questi terminal ferroviari e stradali all'estremità settentrionale della città, i trasporti all'interno del centro storico della città rimangono, come nei secoli passati, interamente su acqua oa piedi. Venezia è il più grande d'Europa urbana zona pedonale ed è unico in Europa ad aver mantenuto un funzionamento città considerevole nel 21 ° secolo interamente senza automobili o camion.

La classica barca veneziana è la gondola , (plurale: gondole ) sebbene ora sia utilizzata principalmente per i turisti, o per matrimoni, funerali o altre cerimonie, o come traghetti (sing .: traghetto) per attraversare il Canal Grande al posto di un ponte vicino. I traghetti sono gestiti da due rematori. Per alcuni anni ci furono sette di queste barche; ma nel 2017 ne rimanevano solo tre.

Ci sono circa 400 gondolieri con licenza a Venezia, nella loro livrea distintiva, e un numero simile di barche, rispetto ai 10.000 di due secoli fa. Molte gondole sono arredate in modo lussureggiante con sedili di velluto schiacciato e tappeti persiani. Nella parte anteriore di ogni gondola che funziona in città, c'è un grande pezzo di metallo chiamato fèro (ferro). La sua forma si è evoluta nel corso dei secoli, come documentato in molti famosi dipinti. La sua forma, sormontata da una somiglianza del cappello del Doge, divenne gradualmente standardizzata, e fu poi fissata dalla legge locale. Si compone di sei barre rivolte in avanti che rappresentano i sestieri della città, e una che punta all'indietro che rappresenta la Giudecca . Una barca meno conosciuta è il sandolo più piccolo, più semplice, ma simile .

Corsi d'acqua

Le piccole isole di Venezia furono arricchite durante il Medioevo dal dragaggio del suolo per sollevare il terreno paludoso al di sopra delle maree. I canali che ne derivarono favorirono il fiorire di una cultura nautica che si rivelò centrale per l'economia della città. Oggi quei canali forniscono ancora i mezzi per il trasporto di merci e persone all'interno della città.

Il labirinto di canali che attraversano la città richiede più di 400 ponti per consentire il flusso del traffico pedonale. Nel 2011 la città ha inaugurato il Ponte della Costituzione , il quarto ponte sul Canal Grande, che collega l' area del terminal bus di Piazzale Roma con la stazione ferroviaria di Venezia Santa Lucia. Gli altri ponti sono l'originale Ponte di Rialto , il Ponte dell'Accademia e il Ponte degli Scalzi .

Trasporto pubblico

L'Azienda del Consorzio Trasporti Veneziano (ACTV) è una società pubblica responsabile del trasporto pubblico a Venezia.

Zona lagunare

Vaporetti sul Canal Grande

Il principale mezzo di trasporto pubblico è costituito dai vaporetti motorizzati ( vaporetti ) che percorrono rotte regolari lungo il Canal Grande e tra le isole della città. Sono attivi anche taxi acquatici motorizzati privati. L'unico gondole ancora in uso comune veneziani sono i traghetti , piede passeggeri traghetti che attraversano il Canal in alcuni punti dove non ci sono ponti convenienti. Altre gondole vengono affittate dai turisti su base oraria.

Il Venice People Mover è un sistema di trasporto pubblico di treni navetta sopraelevati che collega l' isola del Tronchetto con il suo parcheggio auto con Piazzale Roma dove i visitatori arrivano in città in autobus, taxi o automobile. Il treno fa tappa al terminal crociere Marittima del Porto di Venezia .

Isole del Lido e Pellestrina

Lido e Pellestrina sono due isole che formano una barriera tra la laguna veneta meridionale e il mare Adriatico. Su queste isole è consentito il traffico stradale, compreso il servizio di autobus. I vaporetti le collegano con altre isole (Venezia, Murano , Burano ) e con la penisola di Cavallino-Treporti .

Terraferma

La terraferma di Venezia è composta da 5 comuni: Mestre -Carpenedo, Marghera , Chirignago-Zelarino e Favaro Veneto. Mestre è il centro e l'area urbana più popolosa della terraferma. Ci sono diverse linee di autobus e due linee di tram Translohr . Diverse linee di autobus e una delle linee tranviarie collegano la terraferma con Piazzale Roma , la principale stazione degli autobus di Venezia, via Ponte della Libertà , il ponte stradale che collega la terraferma con il gruppo di isole che compongono il centro storico di Venezia.

Il tempo medio che le persone trascorrono in un giorno feriale con i mezzi pubblici a Venezia, ad esempio da e per il lavoro, è di 52 min. Solo il 12,2% dei passeggeri del trasporto pubblico viaggia per più di 2 ore al giorno. Il tempo medio di attesa delle persone a una fermata per il trasporto pubblico è di 10 minuti, mentre il 17,6% dei motociclisti attende in media oltre 20 minuti ogni giorno. La distanza media che le persone percorrono solitamente in un unico viaggio con i mezzi pubblici è di 7 chilometri (4,3 mi), mentre il 12% percorre oltre 12 chilometri (7,5 mi) in un'unica direzione.

Rotaia

Venezia è servita da treni regionali e nazionali, compresi i treni per Firenze (1h53), Milano (2h13), Torino (3h10), Roma (3h33) e Napoli (4h50). Inoltre ci sono treni giornalieri internazionali per Zurigo, Innsbruck, Monaco e Vienna, oltre a servizi di cuccette notturne, per Parigi e Digione sui treni Thello e per Monaco e Vienna tramite ÖBB .

Entrambe le stazioni sono gestite da Grandi Stazioni ; sono collegati dal Ponte della Libertà tra la terraferma e il centro cittadino.

Altre stazioni nel comune sono Venezia Porto Marghera, Venezia Carpenedo, Venezia Mestre Ospedale e Venezia Mestre Porta Ovest.

Porti

Navi da crociera al terminal passeggeri del Porto di Venezia ( Venezia Terminal Passeggeri )

Il porto di Venezia ( italiano : Porto di Venezia ) è l'ottavo porto commerciale più trafficato d'Italia ed è un importante hub per il settore delle crociere nel Mediterraneo . È uno dei maggiori porti italiani ed è inserito nell'elenco dei principali porti europei che si trovano sui nodi strategici delle reti transeuropee. Nel 2002, il porto ha movimentato 262.337 container. Nel 2006, 30.936.931 tonnellate sono passate per il porto, di cui 14.541.961 per traffico commerciale, e hanno visto 1.453.513 passeggeri.

Aviazione

L' aeroporto internazionale Marco Polo ( Aeroporto di Venezia Marco Polo ) è chiamato in onore di Marco Polo . L'aeroporto si trova sulla terraferma ed è stato ricostruito lontano dalla costa. Il trasporto pubblico dall'aeroporto porta a:

  • Venezia Piazzale Roma con gli autobus ATVO (compagnia provinciale) e con gli autobus ACTV (compagnia urbana) (linea 5 aerobus );
  • Venezia, Lido e Murano con barche a motore Alilaguna (società privata);
  • Mestre, la terraferma, dove la stazione ferroviaria di Venezia Mestre è comoda per i collegamenti con Milano , Padova , Trieste , Verona e il resto d'Italia, e per gli autobus ACTV (linee 15 e 45) e ATVO e altri mezzi di trasporto;
  • Mete regionali, come Treviso e Padova , con autobus ATVO e Busitalia Sita Nord.

L'aeroporto di Venezia-Treviso , a circa 30 chilometri (19 miglia) da Venezia, è utilizzato principalmente dalle compagnie aeree low cost. Ci sono autobus pubblici da questo aeroporto a Venezia.

Il Venezia-Lido "Giovanni Nicelli", un aeroporto pubblico adatto ad aeromobili più piccoli, si trova all'estremità nord-est del Lido di Venezia . Ha una pista in erba di 994 metri.

Sport

Lo sport più veneziana è probabilmente Voga alla Veneta  [ it ] ( "in stile veneziano a remi"), anche comunemente chiamato Voga Veneta . Una tecnica inventata nella Laguna di Venezia, la voga alla veneta è insolita in quanto il / i vogatore / i, uno o più, remano in piedi, guardando avanti. Oggi, la Voga alla Veneta non è solo il modo in cui i gondolieri remano i turisti per Venezia, ma anche il modo in cui i veneziani remano per il piacere e lo sport. Molte gare chiamate regata (e) si svolgono durante tutto l'anno. L'evento culminante della stagione voga è il giorno della "Regata Storica", che ricorre la prima domenica di settembre di ogni anno.

La principale squadra di calcio della città è Venezia FC , fondata nel 1907, che attualmente gioca nella Serie B . Il loro terreno, lo Stadio Pierluigi Penzo , situato a Sant'Elena , è uno dei luoghi più antichi d'Italia.

La società di basket locale è la Reyer Venezia , fondata nel 1872 come società di ginnastica Società Sportiva Costantino Reyer , e nel 1907 come società di basket. Reyer attualmente gioca nella Lega Basket Serie A . La squadra maschile è stata campione d'Italia nel 1942, 1943 e 2017. La loro arena è il Palasport Giuseppe Taliercio , situato a Mestre . Luigi Brugnaro è sia il presidente del club che il sindaco della città.

Formazione scolastica

Venezia è un importante centro internazionale per l'istruzione superiore. La città ospita l' Università Ca 'Foscari di Venezia , fondata nel 1868; l' Università Iuav di Venezia , fondata nel 1926; la Venice International University , fondata nel 1995 e situata sull'isola di San Servolo e l' EIUC-Centro Interuniversitario Europeo per i Diritti Umani e la Democratizzazione , situato nell'isola del Lido di Venezia .

Altre istituzioni veneziane di istruzione superiore sono: l' Accademia di Belle Arti , fondata nel 1750, il cui primo presidente fu Giovanni Battista Piazzetta , e il Conservatorio di musica Benedetto Marcello , fondato nel 1876 come liceo. e società musicale, in seguito (1915) divenne Liceo Musicale , e infine (1940), quando il suo direttore era Gian Francesco Malipiero , il Conservatorio Statale di Musica.

Cultura

Letteratura

Venezia è stata a lungo una fonte di ispirazione per autori, drammaturghi e poeti e in prima linea nello sviluppo tecnologico della stampa e dell'editoria.

Due degli scrittori veneziani più noti furono Marco Polo nel Medioevo e, in seguito, Giacomo Casanova . Polo (1254–1324) era un mercante che viaggiò in Oriente . La sua serie di libri, scritta in collaborazione con Rustichello da Pisa e intitolata Il Milione, ha fornito una conoscenza importante delle terre dell'Europa orientale, dal Medio Oriente alla Cina, al Giappone e alla Russia. Giacomo Casanova (1725–1798) è stato un prolifico scrittore e avventuriero ricordato soprattutto per la sua autobiografia, Histoire De Ma Vie ( Storia della mia vita ), che lega il suo vivace stile di vita alla città di Venezia.

I drammaturghi veneziani hanno seguito l'antica tradizione teatrale italiana della Commedia dell'arte . Ruzante (1502–1542), Carlo Goldoni (1707–1793) e Carlo Gozzi (1720–1806) usarono ampiamente il dialetto veneziano nelle loro commedie.

Venezia ha anche ispirato scrittori dall'estero. Shakespeare ambientò in città Otello e Il mercante di Venezia , così come Thomas Mann nel suo romanzo, Morte a Venezia (1912). Lo scrittore francese Philippe Sollers ha trascorso la maggior parte della sua vita a Venezia e nel 2004 ha pubblicato A Dictionary For Lovers of Venice .

La città un posto di rilievo in Henry James 's The Aspern Papers e Le ali della colomba . E 'anche visitato in Evelyn Waugh 's Brideshead Revisited e Marcel Proust ' s Alla ricerca del tempo perduto . Forse il libro per bambini più noto ambientato a Venezia è The Thief Lord , scritto dall'autrice tedesca Cornelia Funke .

Il poeta Ugo Foscolo (1778–1827), nato a Zante , isola che all'epoca apparteneva alla Repubblica di Venezia, era anche un rivoluzionario che voleva vedere una repubblica libera stabilirsi a Venezia dopo la sua caduta sotto Napoleone .

Venezia ha anche ispirato la poesia di Ezra Pound , che ha scritto la sua prima opera letteraria in città. Pound morì nel 1972 e le sue spoglie sono sepolte nell'isola cimiteriale di San Michele a Venezia .

Venezia è anche legata agli aspetti tecnologici della scrittura. La città era la sede di una delle prime tipografie italiane chiamata Aldine Press , fondata da Aldus Manutius nel 1494. Da questo inizio Venezia si sviluppò come un importante centro tipografico. Circa il quindici per cento di tutta la stampa del XV secolo proveniva da Venezia, e anche nel XVIII secolo era responsabile della stampa della metà dei libri pubblicati in Italia.

In letteratura e opere adattate

La città è un ambiente particolarmente popolare per saggi, romanzi e altre opere di letteratura di fantasia o non di fantasia. Esempi di questi includono:

Inoltre, la novella di Thomas Mann , Death in Venice (1912), è stata la base per l' opera omonima di Benjamin Britten (1973).

Parole straniere di origine veneziana

Alcune parole con un'etimologia veneziana includono arsenale , ciao , ghetto , gondola , imbroglio , laguna , lazzaretto , lido , Montenegro e regata .

Stampa

Alla fine del XV secolo, Venezia era diventata la capitale europea della stampa, con 417 stampatori nel 1500, ed essendo una delle prime città in Italia (dopo Subiaco e Roma) ad avere una macchina da stampa, dopo quelle stabilite in Germania. La tipografia più importante era la Aldine Press di Aldus Manutius ; che nel 1497 ha pubblicato la prima opera a stampa di Aristotele ; nel 1499 stampò l' Ipnerotomachia Poliphili , considerato il libro più bello del Rinascimento ; e ha stabilito punteggiatura moderna , formato pagina e corsivo .

Pittura

Una veduta di Venezia del Settecento dell'artista veneziano Canaletto .

Venezia, specialmente durante il Medioevo , il Rinascimento e il Barocco , era un importante centro d'arte e sviluppò uno stile unico noto come Scuola Veneziana . Nel Medioevo e nel Rinascimento, Venezia, insieme a Firenze e Roma, divenne uno dei centri d'arte più importanti d'Europa, e numerosi ricchi veneziani divennero mecenati delle arti. Venezia all'epoca era una ricca e prospera Repubblica Marinara , che controllava un vasto impero marittimo e commerciale.

Nel XVI secolo la pittura veneziana si sviluppò grazie alle influenze della scuola padovana e di Antonello da Messina , che introdusse la tecnica della pittura ad olio dei fratelli Van Eyck . È indicato da una scala di colori caldi e da un uso pittoresco del colore. I primi maestri furono le famiglie Bellini e Vivarini, seguite da Giorgione e Tiziano , poi Tintoretto e Veronese . All'inizio del XVI secolo, c'era rivalità nella pittura veneziana tra il disegno e le tecniche del colorito .

Le tele (la superficie pittorica comune) hanno avuto origine a Venezia durante il primo Rinascimento. Queste prime tele erano generalmente grezze.

Nel XVIII secolo la pittura veneziana ha avuto una rinascita con la pittura decorativa del Tiepolo e le vedute panoramiche di Canaletto e Guardi .

Architettura veneziana

Il Palazzo Cavalli-Franchetti è un esempio di architettura gotica veneziana lungo il Canal Grande .

Venezia è costruita su banchi di fango instabili e nel Medioevo aveva un centro cittadino molto affollato. D'altra parte, la città era in gran parte al sicuro da sommosse, faide civili e invasioni molto prima della maggior parte delle città europee. Questi fattori, con i canali e la grande ricchezza della città, hanno creato stili costruttivi unici.

Venezia ha uno stile architettonico ricco e diversificato , il più importante dei quali è lo stile gotico . Architettura gotica veneziana è un termine dato a uno stile di costruzione veneziano che combina l'uso dell'arco a sesto acuto gotico con l' arco ogivale curvo , a causa delle influenze bizantine e ottomane . Lo stile ebbe origine nella Venezia del XIV secolo, con una confluenza di stile bizantino da Costantinopoli , influenze islamiche dalla Spagna e dai partner commerciali orientali di Venezia e prime forme gotiche dall'Italia continentale. Principali esempi dello stile sono il Palazzo Ducale e la Ca 'd'Oro in città. La città ha anche diversi edifici rinascimentali e barocchi , tra cui Ca 'Pesaro e Ca' Rezzonico .

Il gusto veneziano era conservatore e l'architettura rinascimentale divenne davvero popolare negli edifici a partire dagli anni '70 circa. Più che nel resto d'Italia, ha mantenuto gran parte della forma tipica dei palazzi gotici , che si erano evoluti per adattarsi alle condizioni veneziane. A sua volta, anche il passaggio all'architettura barocca è stato abbastanza delicato. Ciò conferisce agli affollati edifici sul Canal Grande e altrove un'armonia essenziale, anche dove siedono insieme edifici di epoche molto diverse. Ad esempio, gli archi a tutto sesto sono molto più comuni negli edifici rinascimentali che altrove.

Stile rococò

Si può sostenere che Venezia abbia prodotto i migliori e più raffinati design rococò . All'epoca l'economia veneziana era in declino. Aveva perso la maggior parte del suo potere marittimo, era in ritardo rispetto ai suoi rivali in termini di importanza politica e la sua società era diventata decadente, con il turismo sempre più il pilastro dell'economia. Ma Venezia è rimasta un centro della moda. Il rococò veneziano era ben noto come ricco e lussuoso, con disegni solitamente molto stravaganti. I tipi di mobili veneziani unici includevano i divani da portego e lunghi divani e pozzetti rococò , oggetti pensati per essere posizionati contro il muro. Le camere da letto dei ricchi veneziani erano di solito sontuose e grandiose, con ricchi drappeggi e tendaggi in damasco, velluto e seta, e letti rococò splendidamente intagliati con statue di putti , fiori e angeli. Venezia era particolarmente nota per i suoi bellissimi specchi girandole , che rimasero tra, se non i, più belli d'Europa. I lampadari erano solitamente molto colorati, utilizzando il vetro di Murano per farli sembrare più vibranti e distinguersi dagli altri; e furono usate pietre preziose e materiali provenienti dall'estero, poiché Venezia deteneva ancora un vasto impero commerciale. La lacca era molto comune e molti mobili ne erano ricoperti, il più noto era la lacca povera (povera lacca), in cui venivano dipinte allegorie e immagini della vita sociale. Laccature e cineserie erano particolarmente comuni negli armadi da ufficio.

Bicchiere

Venezia è conosciuta per la sua lavorazione del vetro decorata, nota come vetro veneziano , che è famosa in tutto il mondo per essere colorata, elaborata e sapientemente realizzata. Molte delle caratteristiche importanti di questi oggetti erano state sviluppate nel XIII secolo. Verso la fine di quel secolo, il centro dell'industria del vetro veneziano si trasferì a Murano , un'isola al largo di Venezia. Il vetro prodotto lì è noto come vetro di Murano .

Gli artigiani bizantini hanno svolto un ruolo importante nello sviluppo del vetro veneziano. Quando Costantinopoli fu saccheggiata nella Quarta Crociata nel 1204, alcuni artigiani in fuga vennero a Venezia; quando gli Ottomani presero Costantinopoli nel 1453, arrivarono ancora più vetrai. Nel XVI secolo, gli artigiani veneziani avevano acquisito un controllo ancora maggiore sul colore e sulla trasparenza del loro vetro e avevano imparato una varietà di tecniche decorative. Nonostante gli sforzi per mantenere le tecniche di lavorazione del vetro veneziano all'interno di Venezia, divennero note altrove e il vetro in stile veneziano fu prodotto in altre città italiane e in altri paesi d'Europa.

Alcuni dei più importanti marchi di vetro al mondo oggi sono ancora prodotti nelle storiche fabbriche di vetro di Murano. Sono: Venini, Barovier & Toso, Pauly , Millevetri e Seguso. Barovier & Toso è considerata una delle 100 aziende più antiche del mondo, costituita nel 1295.

Nel febbraio 2021, il mondo ha appreso che le perle di commercio di vetro veneziano erano state trovate in tre siti eschimesi preistorici in Alaska , tra cui Punyik Point. Oggi disabitato, e si trova un miglio dalla Continental Divide nel Brooks Range , la zona era in antiche rotte commerciali dal Mare di Bering al Mar Glaciale Artico . Dalla loro creazione a Venezia, i ricercatori ritengono che la probabile rotta percorsa da questi manufatti sia stata attraverso l' Europa , poi l' Eurasia e infine lo Stretto di Bering , rendendo questa scoperta "il primo esempio documentato della presenza di materiali europei indubitabili in siti preistorici nell'emisfero occidentale come il risultato del trasporto terrestre attraverso il continente eurasiatico ". Dopo che i materiali di datazione al radiocarbonio trovati vicino alle perle, gli archeologi hanno stimato il loro arrivo nel continente tra il 1440 e il 1480, prima di Cristoforo Colombo .

Festival

Carta geografica
Maschere tipiche indossate durante il Carnevale di Venezia .

Il Carnevale di Venezia si tiene ogni anno in città, dura circa due settimane e termina il martedì grasso . Si indossano maschere veneziane .

La Biennale di Venezia è uno degli eventi più importanti del calendario artistico. Nel 1895 fu inaugurata l' Esposizione biennale artistica nazionale . Nel settembre 1942 le attività della Biennale furono interrotte dalla guerra, ma riprese nel 1948.

La Festa del Redentore si tiene a metà luglio. Nasce come festa per rendere grazie per la fine della peste del 1576. Viene costruito un ponte di chiatte che collega la Giudecca al resto di Venezia e i fuochi d'artificio svolgono un ruolo importante.

Il Festival del Cinema di Venezia ( italiano Mostra Internazionale d'Arte Cinematografica di Venezia ) è il festival cinematografico più antico del mondo. Fondato dal conte Giuseppe Volpi di Misurata nel 1932 come Esposizione Internazionale d'Arte Cinematografica , il festival da allora si svolge ogni anno a fine agosto o inizio settembre sull'isola del Lido . Le proiezioni si svolgono nello storico Palazzo del Cinema sul Lungomare Marconi. È uno dei festival cinematografici più prestigiosi al mondo e fa parte della Biennale di Venezia.

Musica

La città di Venezia in Italia ha svolto un ruolo importante nello sviluppo della musica italiana . Lo stato veneziano, ovvero la Repubblica medievale di Venezia , era spesso chiamato popolarmente la "Repubblica della musica" e si dice che un anonimo francese del XVII secolo abbia osservato che "In ogni casa qualcuno suona uno strumento musicale o canta . C'è musica ovunque ".

Durante il XVI secolo, Venezia divenne uno dei centri musicali più importanti d'Europa, segnato da uno stile compositivo caratteristico (la scuola veneziana ) e dallo sviluppo dello stile policorale veneziano sotto compositori come Adrian Willaert , che lavorò alla Basilica di San Marco . Venezia fu il primo centro della stampa musicale; Ottaviano Petrucci iniziò a pubblicare musica non appena questa tecnologia fu disponibile e la sua impresa editoriale contribuì ad attrarre compositori da tutta Europa, in particolare dalla Francia e dalle Fiandre . Alla fine del secolo, Venezia era nota per lo splendore della sua musica, come esemplificato nello "stile colossale" di Andrea e Giovanni Gabrieli , che utilizzava più cori e gruppi strumentali. Venezia è stata anche la casa di molti noti compositori durante il periodo barocco , come Antonio Vivaldi , Ippolito Ciera , Giovanni Picchi e Girolamo Dalla Casa , solo per citarne alcuni.

Orchestre

Venezia è la patria di numerose orchestre sinfoniche come l' Orchestra della Fenice , Rondò Veneziano , Interpreti Veneziani e Venice Baroque Orchestra .

Cinema, media e cultura popolare

La Mostra del Cinema di Venezia è la rassegna cinematografica più antica del mondo e una delle più prestigiose e pubblicizzate.

Venezia è stata l'ambientazione o la location prescelta di numerosi film, giochi, opere d'arte e letteratura (inclusi saggi, narrativa, saggistica e poesie), video musicali, programmi televisivi e altri riferimenti culturali.

Nei film

Esempi di film ambientati o almeno parzialmente girati a Venezia includono:

Nella musica

La città è stata l'impostazione per i video musicali di canzoni come Siouxsie and the Banshees ' ' Dear Prudence ' nel 1983 e di Madonna ' s ' Like a Virgin ' nel 1984. La città è stato fatto riferimento nella canzone di Ricky Montgomery 2016 "Il mio cuore è sepolto A Venezia ".

Nei videogiochi

La città è l'ambientazione di parti di videogiochi come Assassin's Creed II e Tomb Raider II . È servito anche come ispirazione per la città immaginaria di Altissia, in Final Fantasy XV . La città funge anche da ambientazione per The House of the Dead 2 . La città appare come il primo livello principale in Sly 3: Honor Among Thieves . È anche presente nello sparatutto in prima persona di Valve Counter-Strike: Global Offensive come ispirazione per la mappa multiplayer "Canals".

Venezia era il tema di base per Soleanna, uno dei mondi hub di Sonic the Hedgehog . Uno dei nove personaggi giocabili, Silver the Hedgehog , una volta era un visone chiamato "Venice" durante lo sviluppo. L'idea alla fine è stata scartata.

Nell'aprile 2018 il videogioco sparatutto multiplayer Overwatch ha rilasciato la mappa Rialto, basata sul centro della città.

Fotografia

Alla Regata di
Francesco Guardi a Venezia, Guardi è stato membro della Scuola Veneziana .

Fulvio Roiter è stato il pioniere della fotografia artistica a Venezia, seguito da alcuni fotografi le cui opere sono spesso riprodotte su cartoline, raggiungendo così una più ampia esposizione popolare internazionale.

Cucina

The Morning Chocolate , di Pietro Longhi . La cioccolata calda era una bevanda alla moda a Venezia durante gli anni Settanta e Ottanta del Settecento.

La cucina veneziana è caratterizzata dai frutti di mare, ma comprende anche i prodotti dell'orto delle isole della laguna, il riso della terraferma, la selvaggina e la polenta . Venezia non è nota per una cucina propria: combina tradizioni locali con influenze derivanti da contatti secolari con paesi lontani. Tra queste le sarde in saór (sarde marinate per conservarle per lunghi viaggi); bacalà mantecato (ricetta a base di stoccafisso norvegese e olio extravergine di oliva); bisàto (anguilla marinata); risi e bisi - riso, piselli e pancetta (non affumicata); fegato alla veneziana , fegato di vitello alla veneziana ; risòto col néro de sépe (risotto alle seppie, annerito dal proprio nero); cichéti , bocconcini raffinati e deliziosi (simili alle tapas ); antipasti (stuzzichini); e prosecco , un vino effervescente, leggermente dolce.

Inoltre, Venezia è nota per i biscotti dorati di forma ovale chiamati baìcoli , e per altri tipi di dolci, come: pan del pescaór (pane del pescatore); biscotti con mandorle e pistacchi; biscotti con crema fritta veneziana, o il bussolai ( biscotti al burro e shortbread fatto a forma di un anello o di una "S") dall'isola di Burano; i galàni o cróstoli ( ali d'angelo ); le frìtole (ciambelle sferiche fritte); la fregolòtta (una torta friabile alle mandorle); un budino di latte chiamato rosàda ; e biscotti chiamati zaléti , i cui ingredienti includono farina di mais giallo.

Il tiramisù dolce è generalmente pensato per essere stato inventato a Treviso negli anni '70, ed è popolare nel Veneto .

Moda e shopping

Negozi di lusso e boutique lungo il Ponte di Rialto .

Nel XIV secolo molti giovani veneziani iniziarono a indossare calze multicolori aderenti, i cui disegni indicavano la Compagnie della Calza a cui appartenevano. Il Senato veneziano approvò leggi suntuarie , ma queste si limitarono a modificare la moda per aggirare la legge. Gli indumenti opachi venivano indossati su quelli colorati, che poi venivano tagliati per mostrare i colori nascosti con conseguente diffusione della moda maschile "tagliata" nel XV secolo.

Oggi, Venezia è un importante centro commerciale e della moda; non importante come Milano , Firenze e Roma, ma alla pari con Verona , Torino , Vicenza , Napoli e Genova . Roberta di Camerino è l'unico grande marchio di moda italiano con sede a Venezia. Fondata nel 1945, è rinomata per le sue innovative borse realizzate da artigiani veneziani e spesso rivestite in velluto tessuto localmente .

Relazioni internazionali

Nel gennaio 2000, la Città di Venezia e l'Associazione Centrale delle Città e delle Comunità della Grecia (KEDKE) hanno istituito, ai sensi del Regolamento CE n . 2137/85, il Gruppo di interesse economico europeo (GEIE) del Sistema Marco Polo , per promuovere e realizzare Progetti europei in ambito culturale e turistico transnazionale, con particolare riferimento alla conservazione e salvaguardia del patrimonio artistico e architettonico.

Città gemellate - città gemellate

Venezia è gemellata con:

Nel 2013, Venezia ha annunciato di voler porre fine alla relazione della città gemella con San Pietroburgo in opposizione alle leggi approvate dalla Russia contro gli omosessuali e coloro che sostengono i diritti dei gay. Tuttavia, a partire dal 2020, le città sono ancora gemellate.

Accordi di cooperazione

Venezia ha accordi di collaborazione con:

Luoghi che prendono il nome da Venezia

Il nome " Venezuela " è un diminutivo spagnolo di Venezia ( Veneziola ).
Molti altri luoghi in tutto il mondo prendono il nome da Venezia: es

Venice, Los Angeles , sede di Venice Beach
Venezia, Alberta , in Canada
Venice, Florida , città nella contea di Sarasota
Venezia, New York
Venezia, Louisiana

Persone notevoli

Il Doge Andrea Gritti , regnò dal 1523 al 1538, ritratto di Tiziano .
Carlo Goldoni , il nome più importante del teatro italiano.
L'esploratore Sebastian Cabot .

Altri strettamente associati alla città includono:

Guarda anche

Riferimenti

Bibliografia

Accademico

  • Bosio, Luciano. Le origini di Venezia . Novara: Istituto Geografico De Agostini.
  • Brown, Horatio , Venice , capitolo 8 di Cambridge Modern History vol. I Il Rinascimento (1902)
  • Brown, Horatio, Calendar of State Papers (veneziano): 1581–1591 , 1895; 1592–1603 , 1897; 1603–1607 , 1900; 1607–1610 , 1904; 1610–1613 , 1905
  • Brown, Horatio, Studies in the history of Venice (Londra, 1907)
  • Chambers, DS (1970). L'età imperiale di Venezia, 1380-1580. Londra: Thames & Hudson.
  • Contarini, Gasparo (1599). Il Commonwealth e il governo di Venezia. Lewes Lewkenor, trsl. Londra: "Stampato da I. Windet per E. Mattes."
  • Da Canal, Martin , "Les estoires de Venise" (cronaca del XIII secolo), traduzione di Laura Morreale. Padova, Unipress 2009.
  • Drechsler, Wolfgang (2002). "Venezia sottratta." Trame 6 (2), pagg. 192–201.
  • Garrett, Martin, "Venice: a Cultural History" (2006). Edizione rivista di "Venezia: una compagna culturale e letteraria" (2001).
  • Grubb, James S. (1986). "Quando i miti perdono potere: quattro decenni di storiografia veneziana". Journal of Modern History 58, pagg. 43–94.
  • Lane, Frederic Chapin. Venezia: Repubblica Marinara (1973) ( ISBN   978-0-8018-1445-7 )
  • Laven, Mary, "Virgins of Venice: Enclosed Lives and Broken Vows in the Renaissance Convent (2002).
  • Madden, Thomas F. Enrico Dandolo e The Rise of Venice Johns Hopkins University Press.
  • Martin, John Jeffries e Dennis Romano (a cura di). Venezia riconsiderata. Storia e civiltà di una città-stato italiana, 1297–1797. (2002) Johns Hopkins University Press .
  • Muir, Edward (1981). Rituale Civico nella Venezia rinascimentale. Princeton UP.
  • Oppenheimer, Gerald J. (2010). Palazzi veneziani e caso: una guida alla letteratura. Università di Washington, Seattle. Estratto da https://web.archive.org/web/20110604034334/http://faculty.washington.edu/gerryo/venice.html 7 febbraio 2010.
  • Rösch, Gerhard (2000). Venedig. Geschichte einer Seerepublik. Stoccarda: Kohlhammer Verlag .
  • Miller, Judith (2005). Mobili: stili del mondo dal classico al contemporaneo . DK Publishing. ISBN   978-0-7566-1340-2 .

Popolare

link esterno